NOTIZIE

torna a  "Notizie"   

COMPARTO AGRICOLTURA - DANNI DA CALAMITA`NATURALI O ECCEZIONALI AVVERSITA`ATMOSFERICHE- ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLE SEGNALAZIONI

1. Premessa

Con la circolare prot. n. 6370 del 13/03/2019 sono state fornite alcune istruzioni per la delimitazione delle zone colpite dalle calamità da parte degli uffici regionali della Direzione Agricoltura.
Alla luce dell'esperienza maturata con l'alluvione dell'ottobre-novembre 2019 e nell'ottica di gestire al meglio il nuovo evento alluvionale verificatosi nei giorni 2-5 ottobre 2020, si ritiene opportuno fornire nuove indicazione operative in sostituzione di quelle contenute nella circolare sopra richiamata.

2. Tipologia di danni

I danni al comparto agricolo, per essere inseriti nella proposta regionale di delimitazione devono essere ricondotti a quattro tipologie principali:
1. Danni alle produzioni ad esclusione di quelle inserite nel Piano Assicurativo Agricolo Nazionale;
2. Danni alle strutture ad esclusione di quelle inserite nel Piano Assicurativo Agricolo Nazionale;
3. Danni alle scorte;
4. Danni alle infrastrutture connesse all'attività agricola, tra cui quelle irrigue e di bonifica (infrastrutture irrigue, strade interpoderali, opere di bonifica montana).
N.B. I danni di cui alle tipologie 1, 2, 3 per poter essere inseriti nella proposta di delimitazione regionale devono avere un ammontare economico pari o superiore al 30% della Produzione Lorda Vendibile Media Annua.

3. A chi segnalare i danni

3.1 - Danni alle produzioni, alle strutture aziendali ed alle scorte:
-  le segnalazioni dei danni devono essere comunicate a cura dell'Azienda agricola, mediante il Modello "Aziende Agricole" predisposto dalla Regione Piemonte (allegato alla presente), al Comune in corrispondenza del quale si è verificato il danno. Il Comune, entro 10 giorni dalla conclusione degli eventi, qualora ritenga esservi le condizioni per la proposta di delimitazione previste dalla vigente normativa, trasmette i dati relativi alla ricognizione di cui sopra attraverso il servizio denominato "Nembo - Nuova gestione avversità atmosferiche - Procedimenti". 
Si segnala che possono presentare segnalazione di danni gli imprenditori agricoli ai sensi dell'art. 2135 del Codice Civile con Iscrizione al Registro delle Imprese e all'Anagrafe Agricola della Regione Piemonte, con dimensione aziendale di almeno 104 giornate lavorative convenzionali così come stabilito con D.G.R. 25-4316 del 05/12/2016.

3.2 - Danni alle infrastrutture connesse all'attività agricola (infrastrutture irrigue, strade interpoderali, opere di bonifica montana):
-  Infrastrutture irrigue: le segnalazioni dei danni devono essere comunicate a cura dei consorzi di primo grado, mediante il Modello "Infrastrutture" predisposto dalla Regione Piemonte (allegato alla presente), ai consorzi gestori dei comprensori irrigui delimitati ai sensi dell'art. 44 della L.R. 21/1999 e dell'art. 58 della L.R. 1/2019 competente territorialmente, questi ultimi trasmettono i dati relativi alla ricognizione di cui sopra attraverso il servizio denominato "Nembo - Nuova gestione avversità atmosferiche - Procedimenti" entro 10 giorni dalla fine degli eventi;
-  Strade interpoderali a servizio dell'agricoltura ed opere di bonifica montana: le segnalazioni dei danni devono essere comunicate a cura dei consorzi gestori delle strade o delle opere di bonifica montana, mediante il Modello "Infrastrutture", ai Comuni competenti territorialmente, questi ultimi trasmettono i dati relativi alla ricognizione di cui sopra attraverso il servizio denominato "Nembo - Nuova gestione avversità atmosferiche - Procedimenti" entro 10 giorni dalla fine degli eventi. In assenza di consorzio operante, la compilazione del Modello "Infrastrutture" può essere effettuata dal Comune competente territorialmente;
-  Infrastrutture irrigue di proprietà regionale: le segnalazioni dei danni alle sole opere di proprietà pubbliche devono essere censiti dai consorzi concessionari di tali opere, mediante il Modello "Infrastrutture" ed i dati trasmessi attraverso il servizio denominato "Nembo - Nuova gestione avversità atmosferiche - Procedimenti" entro 10 giorni dalla fine degli eventi;

Il servizio "Nembo - Nuova gestione avversità atmosferiche - Procedimenti" è presente sul portale La ricognizione deve essere trasmessa esclusivamente in formato digitale attraverso il servizio denominato "Nembo - Nuova gestione avversità atmosferiche - Procedimenti" pubblicato al seguente link: http://www.sistemapiemonte.it/cms/privati/agricoltura/servizi/925-aiutidi- stato-contributi-regionali-eindennizzi-nembo-procedimenti 
Per accedere al servizio "Nembo - Nuova gestione avversità atmosferiche - Procedimenti" il sindaco/presidente del consorzio o loro delegato deve essere in possesso di identità digitale (SPID, CNS, certificato digitale o certificato di firma). Attraverso l'identificazione dell'utente, mediante identità digitale, il sindaco/presidente del consorzio o loro delegato, firma e trasmette la ricognizione danni. 
Per la richiesta di delega è necessario utilizzare l'apposita modulistica scaricabile al seguente link: https://www.regione.piemonte.it/web/temi/agricoltura/modulistica-anagrafe-agricola (modello I.6 per nuova delega e modello I.7 per variazione o cessazione di precedente delega); i moduli compilati, sottoscritti ed accompagnati dalla copia di un documento di identità in corso di validità, devono essere inviati alla e-mail: servizi.siap@regione.piemonte.it.
Si fa presente che il sindaco/presidente del consorzio può delegare più persone per l'accesso e relativa firma.
In alternativa si può usufruire dell'assistenza dei CAA (Centri di Assistenza Agricola) operanti sul territorio regionale.
Si coglie l'occasione inoltre per ricordare che per poter accedere ai contributi previsti dal D. Lgs. 102/2004 è necessario:
-  essere iscritti in Anagrafe Agricola e i dati devono essere aggiornati. Le modalità per l'iscrizione o per la modifica di dati sono reperibili al seguente indirizzo: https://www.regione.piemonte.it/web/temi/agricoltura/modulistica-anagrafe-agricola; 
-  rispettare i criteri operativi adottati con la determinazione dirigenziale n. 583 del 21/06/2017 consultabile al seguente link: http://www.regione.piemonte.it/governo/bollettino/abbonati/2017/41/attach/dda1700000583_040.pdf 
-  comunicare preventivamente al Settore competente l'intenzione di procedere ai ripristini prima della concessione contributo.

4. Informazioni
Per qualsiasi ulteriore delucidazione in merito, contattare: 
Per informazioni in merito alle procedure relative a Danni non assicurabili alle produzioni, alle strutture aziendali ed alle scorte: 
Direzione Agricoltura - Settore A1711C - Attuazione programmi relativi alle strutture delle aziende agricole e alle avversità atmosferiche. Corso De Gasperi, 40 - 12100 CUNEO (p.e.c.: strutture.avversita@cert.regione.piemonte.it)

ALESSANDRIA 0131 / 285096 - 0131 / 285087
ASTI 011 / 4325824 - 011 / 4325825
BIELLA 015 / 8551522
CUNEO 0171 / 319304 - 0173 / 81186
DOMODOSSOLA 0324 / 226802
NOVARA 0321 / 698704
TORINO 011 / 4323092
VERCELLI 0161 / 268716
Per informazioni in merito alle procedure relative a Danni alle infrastrutture connesse alle attività agricole:
Direzione Agricoltura - Settore A1709C - Infrastrutture, Territorio Rurale, Calamità Naturali in Agricoltura, Caccia e Pesca. Corso Stati Uniti, 21 - 10128 TORINO Tel. 011 / 4321483 (p.e.c.: infrastrutture@cert.regione.piemonte.it)

5. Precisazioni
Al fine di attivare gli interventi compensativi di cui all'art. 5 del DLgs 102/2004, è necessario provvedere alle segnalazioni così come indicato al punto 3 della presente nota.
La procedura di cui sopra è indipendente rispetto alla ricognizione eseguita dalle Amministrazioni comunali ai sensi dell'articolo 5, comma 2, lett. d), della legge n. 225 del 1992, e s.m.i. (Servizio Nazionale della Protezione Civile - Scheda C "Ricognizione dei danni subiti dalle attività economiche e produttive") tuttavia, per quanto possibile, si cercherà di coordinare le due procedure di rilevazione dei danni.

DI SEGUITO I LINK AI DUE MODELLI: